Prodotti :: AUTOLIVELLANTI POLIURETANICI

  • AUTOLIVELLANTI POLIURETANICI
  • AUTOLIVELLANTI POLIURETANICI
  • AUTOLIVELLANTI POLIURETANICI

AUTOLIVELLANTI POLIURETANICI

API spa

Rivestimento impermeabile continuo, antipolvere, colorato ad alto spessore, dotato di ottima resistenza all’usura, agli urti, agli agenti chimici, atmosferici, di facile manutenzione e pulizia.E’ applicabile su supporti cementizi di nuova o vecchia esecuzione o per la ristrutturazione di vecchie pavimentazioni in, grès, mattonelle di qualsiasi tipo.E’ un ciclo particolarmente indicato laddove sia necessario ottenere rivestimenti tenaci ma con una buona o ottima elasticità o particolare pregio estetico. Viene realizzato con uno spessore di 2-3 mm.

L’intervento consiste nella realizzazione di un rivestimento resinoso continuo colorato, con spessore 3÷4 mm. elastico. Si presenta continuo ed omogeneo. Il trattamento rende la pavimentazione antipolvere, impermeabile, resistente all’abrasione, elastico, con un buon assorbimento acustico, resistente al transito di carrelli gommati, resistente agli urti, e di gradevole aspetto estetico. La superficie si presenta più o meno rugosa in relazione all’impiego o meno di granuli di gomma e della loro granulometria.

SOLUZ. 1
 
(per esterno impermeabilizzante)
 
 VOCE CAPITOLATO
 
Ø Preparazione del supporto mediante pallinatura (sabbiatura a recupero) con apposita pallinatrice a turbina, dotata di sistema a circuito chiuso per l’aspirazione e la separazione dei materiali di risulta, eseguita a secco in una o due passate al fine di rimuovere uniformemente la parte corticale del supporto rendendolo perfettamente pulito e con un elevato grado di porosità.
1.      Applicazione di strato di fondo epossidico bicomponente ad alto contenuto in solidi ADESIVO PASSIVANTE, caricato con quarzo e cemento in rapporto 1:1:1
Consumo 0,300¸0,350 Kg/mq. circa.
Ø Spolvero a rifiuto di quarzo (granulometria 0,06 ÷ 0,25) sulla superficie ancora fresca
Ø Asportazione del quarzo in eccesso, utilizzando scopa manuale o meccanica. Carteggiatura della superficie per asportare il quarzo non perfettamente aderente e depolveratura mediante aspirazione meccanica.
1. Applicazione a rullo di strato promotore di adesione a base di resine poliuretaniche    bicomponente, in fase solvente, FLEXIGEL PRIMER. Consumo 0,100÷0,200 kg/mq, in relazione all’assorbimento del supporto.
2.      Applicazione con spatola dentata di strato autolivellante poliuretanico FLEXIGEL AUTOLIVELLANTE G. Consumo 2,5 ÷ 3 Kg/mq.
Ø Spolvero a rifiuto di quarzo (granulometria 0,3 ÷ 0,9) sulla superficie ancora fresca
Ø Asportazione del quarzo in eccesso, utilizzando scopa manuale o meccanica. Carteggiatura della superficie per asportare il quarzo non perfettamente aderente e depolveratura mediante aspirazione meccanica.
3.      Entro le 24 ore, applicazione a rullo di strato di finitura poliuretanica, alifatica, pigmentata, FLEXILIT T. Consumo 0,200 kg/mq circa, per strato.
  
SOLUZ. 2
 
(alternativa alla SOLUZ. 1,  più elastica )
 
Ø Preparazione del supporto mediante pallinatura (sabbiatura a recupero) con apposita pallinatrice a turbina, dotata di sistema a circuito chiuso per l’aspirazione e la separazione dei materiali di risulta, eseguita a secco in una o due passate al fine di rimuovere uniformemente la parte corticale del supporto rendendolo perfettamente pulito e con un elevato grado di porosità.
1.      Applicazione di strato di fondo epossidico bicomponente ad alto contenuto in solidi ADESIVO PASSIVANTE, caricato con quarzo e cemento in rapporto 1:1:1 steso a spatola in ragione di 0,300¸0,350 Kg/mq. circa.
Ø Spolvero a rifiuto di quarzo (granulometria 0,06 ÷ 0,25) sulla superficie ancora fresca
1.      Asportazione del quarzo in eccesso, utilizzando scopa manuale o meccanica. Carteggiatura della superficie per asportare il quarzo non perfettamente aderente e depolveratura mediante aspirazione meccanica.
1. Applicazione a rullo di strato promotore di adesione a base di resine poliuretaniche bicomponente, in fase solvente, FLEXIGEL PRIMER. Consumo 0,100÷0,200 kg/mq, in relazione all’assorbimento del supporto.
2.      Applicazione con spatola dentata di strato autolivellante poliuretanico FLEXIGEL AUTOLIVELLANTE M85. Consumo 2,5 ÷ 3 Kg/mq.
3.      Entro le 24 ore, applicazione a rullo di strato di finitura poliuretanica, alifatica, pigmentata, FLEXILIT SN (satinata). Consumo 0,150 kg/mq circa, per strato
 
SOLUZ. 3
 
(per campi da gioco polifunzionali)
 
Ø Preparazione del supporto mediante pallinatura (sabbiatura a recupero) con apposita pallinatrice a turbina, dotata di sistema a circuito chiuso per l’aspirazione e la separazione dei materiali di risulta, eseguita a secco in una o due passate al fine di rimuovere uniformemente la parte corticale del supporto rendendolo perfettamente pulito e con un elevato grado di porosità.
 
1. Applicazione di strato di fondo epossidico bicomponente ad alto contenuto in solidi ADESIVO PASSIVANTE, caricato con quarzo e cemento in rapporto 1:1:1 dato a spatola in ragione di 0,300¸0,350 Kg/mq. circa.
Ø Spolvero a rifiuto di quarzo (granulometria 0,06 ÷ 0,25) sulla superficie ancora fresca
Ø Asportazione del quarzo in eccesso, utilizzando scopa manuale o meccanica. Carteggiatura della superficie per asportare il quarzo non perfettamente aderente e depolveratura mediante aspirazione meccanica.
1. Applicazione a rullo di strato promotore di adesione a base di resine poliuretaniche bicomponente, in fase solvente, FLEXIGEL PRIMER. Consumo 0,100÷0,200 kg/mq, in relazione all’assorbimento del supporto.
2.      Applicazione con spatola dentata di strato autolivellante poliuretanico FLEXIGEL AUTOLIVELLANTE M70 o M85 in relazione alla durezza superficiale che si vuole realizzare.Consumo 2,5 ÷ 3 Kg/mq, caricato con granuli di gomma 30% in peso.
Ø Spolvero a saturazione, su tutta la superficie ancora fresca di granuli di gomma
Ø Asportazione dei granuli in eccesso mediante aspirazione meccanica.
3.      Applicazione di strato di finitura poliuretanica alifatica elastica SPORT FLOOR FINITURA. Consumo 0,200 Kg/mq.