Prodotti :: FLEXIGEL AUTOLIVELLANTE G

FLEXIGEL AUTOLIVELLANTE G

API SPA

Prodotto a due componenti a base di resine poliuretaniche esente da solventi.

Campi principali di impiego
Serve per realizzare rivestimenti continui di  pavi-mentazioni industriali che presentano elevata tenacità e durezza superficiale unite ad una buona elasticità. Lo strato risulta pertanto molto resiliente e  resistente all'usura. Buona resistenza chimica alle soluzioni acide e alcaline, limitata resistenza ai solventi. Rapido indurimento a basse temperature (5-15°C).
Può essere messo in opera su superfici in acciaio, legno e supporti cementizi. Si ottiene un rivestimento continuo impermeabile avente spessore di circa 2 mm o più, con ottima resistenza all'urto, all'usura, agli agenti chimici ed atmosferici, di facile pulizia e manutenzione.

Preparazione delle superfici
Per le superfici in acciaio o legno o su altri supporti si rimanda alla letteratura tecnica specifica o si raccomanda di fare riferimento al Servizio Tecnico API – Building Division. Le superfici in cemento devono essere preparate mediante operazioni a secco di sabbiatura a recupero (pallinatura), o fresatura, o molatura per eliminare lo strato superficiale inquinato o poco consistente, aprire la porosità, eliminare gli eventuali sali solubili. La superfi-cie risultante deve risultare perfettamente pulita e asciutta,  con resistenza meccanica sufficiente (resistenza a trazione maggiore di 1,5 N/mm², determinata con il gancio incollato).

Modalità di applicazione
Il FLEXIGEL AUTOLIVELLANTE G, si applica su promotore di adesione FLEXIGEL PRIMER o PRIMER SETTE dopo gli intervalli di tempo indicati, previa miscelazione accurata della base con il catalizzatore. Per garantire la certezza della miscelazione dei due componenti si suggerisce di travasare i due componenti, già miscelati tra di loro, in un nuovo contenitore e quindi miscelare il prodotto ancora per 1-2 minuti. La miscela si può quindi stendere sulla superficie con spatola dentata (per controllare meglio gli spessori realizzati), o diritta per eseguire operazioni di rasatura e lisciatura. Successivamente passare sulla superficie fresca un rullo frangibolle. Operando su grandi superfici, avendo il prodotto un pot-life di circa 30’ a 23°C, si consiglia di effettuare l'applicazione su strisce parallele di larghezza in modo tale da evitare sovrapposizioni con il prodotto già indurito. Il prodotto può essere utilizzato tal quale oppure miscelato con sabbia di quarzo asciutta nel rapporto resina:quarzo, 1:0,5÷1 il quarzo avrà granulometria di 0,06÷0,25 mm. e sarà di tipo sferoidale. La sabbia di quarzo asciutta viene aggiunta per ridurre il consumo di prodotto, a parità di spessore realizzato. L'aggiunta riduce la facilità di applicazione, in quanto tende ad aumentare la viscosità. Nei limiti indicati non impedisce il regolare autolivellamento. Qualora la superficie del calcestruzzo da trattare presenti porosità e vaiolature è indispensabile applicare uno strato di fondo epossidico ADESIVO PASSIVANTE o PRIMER DUE HS e spolverare a saturazione il prodotto ancora fresco. Dopo asportazione del quarzo in eccesso, applicare il promotore di adesione FLEXIGEL PRIMER  o PRIMER DUE HS ed applicare quindi il prodotto a spessore come indicato sopra.