Prodotti :: BARRIER TRASPARENTE

BARRIER TRASPARENTE

Vernice intumescente trasparente per la protezione contro il fuoco di manufatti in legno o simili, ove vi sia la necessità di proteggere senza alterare l’aspetto superficiale della parte trattata. Il prodotto è disciolto in solventi a basso odore, dotati di scarsa infiammabilità.
Può essere applicato direttamente su legno di qualunque tipo, truciolare, compensato, pannelli di segatura compressa (Panforte), faesite e su qualunque altro materiale a base di cellulosa. Il legno può essere naturale oppure colorato mediante mordenti o risanato preventivamente con
antitarlo e impregnanti. Nel caso vi sia presena di vecchie vernici di tipo non noto è bene eseguire dei test di compatibilità per controllare che il prodotto aderisca bene alla superficie. Dopo essiccazione il prodotto rimane sensibile all’acqua, e quindi deve essere protetto mediante un
sottile strato di vernice trasparente per evitare alterazioni o solubilizzazioni dovute al contatto con forte umidità o con oggetti bagnati. Tale protezione è sempre necessaria, anche in caso di applicazioni all’interno in ambienti asciutti, per garantire una migliore conservazione del film di prodotto nel tempo. Comunque se ne sconsiglia l’uso all’esterno anche se protetto con la vernice di finitura.
In caso di incendio, il prodotto protegge il legno mediante formazione di uno spesso strato di schiuma nera a struttura cellulare, incombustibile e meccanicamente resistente, la quale agisce da isolante termico ed impedisce inoltre il contatto dell’ossigeno con il legno, impedendo la formazione di fiamma.

Settori di impiego
Per la protezione di tutti i manufatti in legno e derivati presenti nelle costruzioni edili antiche e moderne: travature, soffitti, rivestimenti in legno, perlinature, scale, ecc.
A causa della sua scarsa durezza non è adatto per pavimenti o per applicazioni ove vi sia una forte usura meccanica o possibilità di abrasioni. Recenti leggi della CEE hanno resa obbligatoria la protezione con pitture intumescenti in tutti i locali pubblici o aperti al pubblico, come musei, scuole, ristoranti, alberghi, chiese, ecc.

Caratteristiche tecniche
Colore                         : ambrato
Natura del legante       : resine acril-vinil-tolueniche
Aspetto del film secco : semilucido trasparente
Viscosità                     : 2000 ÷ 4000 mPa.s Brookfield RVT rpm 50 s 5
Resa indicativa           : in funzione della classe di protezione richiesta.
Stabilità di stoccaggio : 12 mesi in confezione integra.
NB: I dati sono rilevati alla temperatura di 20°C.
Prodotto conforme alla Direttiva 2004/42/CE-IIA(i) contenuto massimo di COV: 500 g/l (2010)Modalità di applicazione
 

Preparazione del supporto : Il materiale da trattare deve essere ben pulito, sano, privo di muffe e marciume, ed esente da polvere e da tracce di grassi e materie resinose.

Su eventuali vecchie vernici si devono eseguire test di compatibilità, per accertarsi che il BARRIER aderisca bene senza dare origine a schivature.
L’adesione può eventualmente essere migliorata irruvidendo le vecchie vernici mediante carteggiatura o sabbiatura.
Eventuali parti ferrose inserite stabilmente nel legno (grossi chiodi, borchie, rinforzi, ecc.) possono essere ricoperte senza particolari problemi.
Metodo applicativo : - aerografo misto aria - airless - rullo - pennello

Diluizione : Dopo aver mescolato il prodotto fino a colore e consistenza uniforme, diluire usando DILUENTE NITRO ANTINEBBIA cod. 1616.
La percentuale di diluizione varia a seconda del supporto da trattare (assorbente o meno, verticale od orizzontale), e del tipo di pistola impiegata.
Con pistola airless il prodotto può essere applicato tal quale o leggermente diluito. Per l’applicazione a spruzzo tradizionale diluire max. 15%.
Applicazione a spruzzo : -Airless: usare una pompa con pressione di 120 ÷ 180
bar. e con ugelli abbastanza grossi, adatti per applicazioni di prodotti a spessore. E’ molto importante evitare l’aspirazione di aria da parte della pompa
innescata, poiché tale aria si ingloba nel prodotto sottoforma di microbollicine, causando un effetto lattiginoso e compromettendo la trasparenza finale.
-Spruzzo convenzionale: applicare il prodotto diluito con pistola a caduta, ugello ∅ 1.9 ÷ 2.5 mm, alla pressione di 3 ÷ 4 bar.
Spessori consigliati : Lo spessore finale da applicare varia a seconda del grado di protezione che si desidera ottenere e che è specificato dalle norme. Normalmente con pistola air
less è possibile eseguire applicazioni in verticale di 250÷ 350 μm umidi per mano, senza che si verifichino colature. Le mani successive possono essere applicate sul film precedente ancora umido, dopo un tempo di appassimento dipendente dalla ventilazione, dalla temperatura e dall’umidità dell’ambiente. A 20°C, con una U.R. non superiore al 50% e buona ventilazione,
l’intervallo di tempo tra una mano e l’altra è di circa 15 minuti. Con pistola convenzionale si possono ottenere 100 ÷ 150 μm per mano in verticale.
Lo spessore del film secco risulterà all’incirca la metà di quello del film umido.

Certificati rilasciati dall?fIstituto Giordano di Bellaria (RN), e relazioni integrative redatte da professionista iscritto negli elenchi del M.I. come da legge 818-84:
Su TRAVE IN LEGNO come da descrizione indicata nella relazione integrativa (dati estrapolati da un calcolo ingegneristico simulato facendo riferimento al Certificato di Prova n?‹ 143511)
Classe R 60: consumo di 0.8 kg/m2 corrispondente a c.a. 0.7 litri /m2 con uno spessore secco di 350 ?€ 400 ƒÊm.
Su TRAVE IN LEGNO come da descrizione indicata nel certificato (Certificato di Prova n?‹ 143511)
Classe R 120: consumo di c.a. 1.35 kg/m2 corrispondente a c.a. 1.2 litri /m2.
Essiccazione ad aria : L?fessiccazione e fortemente influenzata da temperatura e ventilazione.
A 25?‹C. con ventilazione media e aria secca si puo considerare che uno strato di 500 g/m2, pari a circa 400 ƒÊm umidi, puo essere secco al tatto dopo circa due ore.
Riverniciatura : Il prodotto deve essere ricoperto con una vernice trasparente protettiva insensibile all?facqua, in quanto rimane sensibile all?fumidita, e a contatto con l?'acqua o con un corpo bagnato diverrebbe semiopaco,lattiginoso, e potrebbe perdere aderenza al supporto o screpolarsi nel tempo in seguito a ripetuti cicli umido/secco.
La riverniciatura puo avvenire non appena il prodotto e ben asciutto. Possono essere impiegate vernici trasparenti al solvente di molti tipi, sia monocomponenti che bicomponenti, applicate a pennello o a spruzzo, ed anche alcune vernici a base di acqua, previa prova di compatibilita. Sono sconsigliati prodotti a base di nitrocellulosa.
In ogni caso si consiglia, soprattutto prima di un lavoro importante, di eseguire test di compatibilita per verificare che la vernice protettiva aderisca bene e non causi depressione della schiuma quando sottoposta al fuoco.
Nell?'impiego pratico applicare sulla superficie da trattare preparata come gia descritto una prima mano di prodotto, che potra essere molto abbondante per le superfici orizzontali, e per quelle verticali dovra arrestarsi prima del limite di colatura. Non appena il prodotto sara addensato a causa dell?'evaporazione della maggior parte del solvente, si potra applicare la manosuccessiva.
Non e necessario attendere l?fessiccazione totale tra una mano e l?'altra.
A causa della sopracitata sensibilita del prodotto all?'umidita, al momento dell?'applicazione e necessario che il legno non sia umido (umidita massima 15%), e che l?'umidita relativaatmosferica non sia superiore al 70%, altrimenti il film di prodotto potrebbe diventare biancastro e  attiginoso. Eventuali piccoli difetti sulla superficie del BARRIER secco (grumi, colature, peli del legno rizzatisi) possono essere corretti mediante carteggiatura con carta abrasiva fine prima dell?fapplicazione delle vernici trasparenti protettive.